La questione ucraina: un banco di prova per il futuro dell’Europa


Quali sono le possibili ricadute della recente rivolta ucraina sugli equilibri europei?
Ne discutono docenti e osservatori internazionali nel corso dell’incontro dal titolo “La questione ucraina: un banco di prova per il futuro dell’Europa”, che si terrà presso il Centro di Documentazione Europea (CDE) il prossimo 28 marzo – ore 14.30, via Conservatorio 7.

A oltre un mese dagli eventi in piazza Maidan, l’Ucraina ha vissuto il cambio della guida politica e la conseguente perdita della Crimea, tornata alla Russia dopo il referendum del 16 marzo, che ne ha sancito il passaggio.

Gli eventi ucraini del recente passato segnano quindi un profondo cambiamento non solo per la regione, ma anche per l’Europa e l’Occidente, legati alla Russia e all’Ucraina da relazioni economiche e di investimento che la politica potrebbe ulteriormente stravolgere.
Partecipano all’incontro Caterina Filippini e Alessandro Vitale del dipartimento di Studi internazionali, giuridici e storico-politici, Stefan Bielanski dell’Università Pedagogica di Cracovia (Polonia) e Eliseo Bertolasi, ricercatore dell’IsAG – Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie.

Venerdì 28 marzo, ore 14.30, Sala Lettura del CDE, via Conservatorio 7

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail