Insubordinazione e sviluppo: appunti per la comprensione del successo e del fallimento delle nazioni


Il libro

Lo sviluppo economico rappresenta uno degli elementi costitutivi del potere nazionale. Diversi Stati nel mondo, in particolare i Paesi occidentali, hanno raggiunto nel corso della loro storia una condizione di sviluppo rinnegando però alcuni dei principi tradizionali del liberalismo economico, soprattutto l’applicazione del libero commercio, adottando un forte protezionismo economico. Tuttavia, oggi gli Stati emergenti o sottosviluppati sono consigliati in maniera totalmente differente dai Paesi più ricchi e da diverse Organizzazioni internazionali: per raggiungere il successo sarebbe necessaria una politica ultraliberale. Tutti i Paesi sviluppati – a partire dagli Stati Uniti – una volta entrati a far parte della struttura egemonica del potere mondiale e per evitare l’emergere di possibili concorrenti sono diventati sostenitori del liberalismo economico e del non-intervento dello Stato nell’economia, conferendo all’idea di libero commercio l’apparenza di un principio scientifico universale di economia e riuscendo a persuadere della sua fondatezza (politica di subordinazione ideologica) molti popoli. Tale subordinazione ha permesso la creazione di un sistema centro-periferia caratterizzato da una forte asimettria, nel quale provengono dal centro le direttrici che regolano oggi le Relazioni Internazionali.

Caratteristiche:

Pagine 282, Formato 15 cm x 21 cm, ISBN 9-78889736390-3, Prezzo: Euro 18,00

Traduzione di Elena Cuel.
Revisione testo e traduzione a cura di Marina Scarsella e Arianna Plebani.
Cartografie di Lorenzo Giovannini.

Sommario:

Prefazione (Aldo Ferrer), Introduzione (Enzo Rossi), Premessa, Capitolo 1 Genesi del Sistema Internazionale e sviluppo degli Stati, Capitolo 2 Lo sviluppo economico e la subordinazione culturale, Capitolo 3 Portogallo: i primi frutti dell’impulso statale, Capitolo 4 Spagna: dalla gloria all’impotenza, Capitolo 5 Inghilterra: la patria del protezionismo economico, Capitolo 6 Francia: un potere schiacciato dall’ideologia, Capitolo 7 Stati Uniti: l’insubordinazione armata, Capitolo 8 Canada: l’insubordinazione pacifica, Capitolo 9 Corea del Sud: il caso testimone, Capitolo 10 Quando il cacciatore cade nella sua stessa trappola, Capitolo 11 Cuocere nel proprio brodo, Capitolo 12 La verità è semplice, Bibliografia, Indice analitico, Indice delle mappe, Programma di ricerca “America Latina” – Autori.

L’Autore

Marcelo Gullo è dottore in Scienze politiche (Universidad del Salvador – Buenos Aires), laureato in Studi internazionali presso la Scuola diplomatica di Madrid e specializzato in Storia e relazioni internazionali all’Institut Universitaire de Hautes Etudes Internationales dell’Università di Ginevra. Ha pubblicato numerosi articoli e libri, tra i quali La Insubordinación Fundante: Breve historia de la construcción del poder de las naciones, pubblicato in Italia con il titolo La costruzione del potere (Vallecchi – Firenze, 2010). Consulente per le relazioni internazionali della Federación Latinoamericana de Trabajadores de la Educación y la Cultura (FLATEC), è professore di Storia dell’Argentina presso la Universidad Nacional de Lanús (UNLa) e docente di Strategia presso la Escuela Superiore de Guerra (Buenos Aires). Membro del comitato scientifico di “Geopolitica”, nel 2008 ha vinto il Premio Oesterheld per il miglior libro dell’anno.

Per acquistare:[clic]

Per maggiori informazione sulle pubblicazioni IsAG, scrivere a:
pubblicazioni@isag-italia.org

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail