Il perno geografico della storia 110 anni dopo: in Sapienza convegno su Mackinder, la geopolitica e i rapporti anglo-russi


Nel 1904 il geografo britannico Halford John Mackinder pronunciava presso la sede della Royal Geographical Society la dissertazione intitolata “Il perno geografico della storia”. Quest’articolo ha segnato un’epoca nell’ambito della geografia politica e dello studio delle relazioni internazionali, perché da molti indicato come il primo e più importante documento prodotto da una nuova disciplina, la geopolitica. In tale scritto, Mackinder individuava nel cuore del continente euro-asiatico, in seguito denominato “Heartland“, il pivot terrestre, imprendibile da qualsiasi potenza marittima, attorno cui da secoli ruotava la storia del mondo.

Il convegno, organizzato da IsAG, Cattedra di Storia dell’Europa Orientale del Dipartimento di Scienze Politiche della Sapienza e Master in Geopolitica e Sicurezza Globale Sapienza-IsAG, oltre a ricordare quest’importante scritto, i suoi contenuti e l’influenza avuta sugli studi successivi, ha mirato anche a descrivere il contesto in cui maturò, con particolare attenzione per gli allora difficili rapporti tra i due imperi britannico e russo.

Sono intervenuti come relatori Eugenio Di Rienzo (Professore ordinario di Storia moderna all’Università Sapienza), Alessandro Grossato (Docente alla Facoltà Teologica del Triveneto), Matteo Marconi (Direttore del programma “Teoria geopolitica” dell’IsAG, dottorando di ricerca all’Università di Sassari, dottore di ricerca all’Università Federico II di Napoli), Daniele Scalea (Direttore Generale dell’IsAG e biografo di Mackinder) e Roberto Valle (Professore associato di Storia dell’Europa Orientale all’Università di Sassari).

Sono disponibili:

  • Locandina col programma completo [vedi]
  • Resoconto (di Maria Monesi) [leggi]
  • Album fotografico (di Priscilla Inzerilli) [vedi]
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail