Dario Citati in Francia e in Polonia in rappresentanza dell’IsAG


Nel mese di maggio 2015, il Direttore del Programma “Eurasia” dell’IsAG Dario Citati ha partecipato a tre conferenze in due diversi Paesi europei. Martedì 19 maggio, su invito dell’Institut Prospective et Sécurité en Europe (IPSE), Citati ha tenuto una lezione a porte chiuse presso l’École Militaire di Parigi, una delle più importanti accademie militari francesi. Strutturato in base alla Regola di Chatham House, il seminario ha visto la presenza di esperti francesi e russi di strategia militare discutere dell’intervento di Citati sui processi di integrazione eurasiatica e sulla politica estera della Federazione Russa.

Mercoledì 20 maggio, sempre nella capitale francese, il Direttore del Programma “Eurasia” dell’IsAG ha invece partecipato in qualità di relatore alla conferenza pubblica internazionale Sanctions, traité transatlantique, crise de confiance: quelles nouvelles règles pour le commerce et les relations internationales?, organizzata dall’Institut de la Démocratie et de la Coopération, partner dell’IsAG. Il suo intervento ha riguardato in questo caso gli antecedenti storici alle sanzioni occidentali contro la Russia (il cosiddetto CoCom, che negli anni della Guerra Fredda decretò un embargo perpetuo verso l’Unione Sovietica) e sulla corrispondenza strategica tra il progetto del Trattato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti e le attuali sanzioni economiche contro Mosca.

Dal 25 al 27 maggio Dario Citati ha quindi soggiornato in Polonia, partecipando a un convegno accademico organizzato dall’Istituto di Politologia dell’Università Pedagogica di Cracovia, anch’essa partner dell’IsAG, dal titolo Sicurezza, Servizi Speciali, Azioni non convenzionali. Nel corso della conferenza, tenutasi presso la località di Tęgoborze nel Voivodato della Piccola Polonia, Citati ha parlato dell’avanzata dell’ISIS in Nordafrica per portare all’attenzione dei Paesi dell’Europa Orientale l’importanza del Mediterraneo nel quadro della sicurezza comune europea.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail