«Schengen non può reggere senza frontiera esterna UE»: Daniele Scalea a TG3 Linea Notte


TG3 Linea NotteDaniele Scalea, Direttore Generale dell’IsAG, ha partecipato alla puntata del 15 settembre 2015 di “TG3 Linea Notte”, programma di RaiTre condotto da Maurizio Mannoni, per discutere dell’emergenza migranti in Unione Europea.

La puntata può essere rivista integralmente cliccando qui. Nei riquadri sottostanti i brani degl’interventi di Daniele Scalea.

Il Direttore Scalea ha spiegato come il Trattato di Schengen preveda sì la rimozione delle frontiere interne all’UE, ma tramite loro spostamento su un’unica frontiera esterna. Se tale frontiera esterna entra in crisi, è naturale che tendano a tornare quelle interne.

In merito alle decisioni adottate dal vertice dei Ministri degli Interni UE di quel giorno, Daniele Scalea ritiene che non vi sarà un significativo cambiamento di atteggiamento da parte delle forze navali europee nel Mediterraneo. Uno spostamento dell’azione in acque internazionali richiederebbe l’avallo dell’ONU e un atteggiamento più aggressivo è reso difficile dal rischio di colpire i migranti assieme agli scafisti. Un intervento sul terreno in Libia è improbabile in quanto i paesi europei non sembrano in grado di mettersi d’accordo e disposti ad affrontare i sacrifici che esso richiederebbe.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail