«Quale modernizzazione per il Kazakhstan?» – Dibattito alla Farnesina il 5 novembre


L’11 novembre 2014 il Kazakhstan lanciava il programma di sviluppo Nurly Zhol (“La via verso il futuro”), volto alla riforma dell’economia del Paese. A un anno di distanza, IsAG organizza presso la Farnesina una tavola rotonda su questo tema per articolare una discussione critica fra esperti.

L’appuntamento è per giovedì 5 novembre 2015, alle ore 15, presso la Sala Aldo Moro del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), Piazzale della Farnesina 1, Roma.

Nel corso dei lavori sarà presentato un nuovo Report dell’IsAG, redatto da Alessandro Lundini e Sara Silvi, a proposito di Nurly Zhol: un piano quinquennale di sviluppo infrastrutturale, del valore stimato di 33 miliardi di dollari, con ampio ruolo di capitali privati, anche stranieri. Tra i punti più importanti la modernizzazione agricola, che può rappresentare un aspetto foriero di grandi potenzialità nella cooperazione con l’Italia, in relazione soprattutto alla necessità di migliorare le filiere di approvvigionamento, le infrastrutture rurali e l’accesso ai porti del Mar Caspio, ancora carenti.

La successiva tavola rotonda, con la presenza dei maggiori esperti italiani di Kazakhstan e di legislatori di vari partiti, intende essere un focus analitico sulla transizione all’economia di mercato di un Paese che nei primi vent’anni di indipendenza si è rivelato fra i più promettenti dell’area ex sovietica, ma che è ancora caratterizzato da forti criticità. Essa mira altresì a formulare, in appoggio all’opera della diplomazia italiana, scenari, previsioni e suggerimenti di azione in relazione al Kazakhstan.

La locandina col programma completo può essere consultata cliccando qui.

Per partecipare al convegno è necessario registrarsi tramite il seguente modulo in linea entro e non oltre il 28/10 p.v. Ai signori uomini sono richiesti giacca e cravatta. Gli strumenti di registrazione audio-video devono essere previamente dichiarati all’interno del modulo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail