«Serve più attenzione all’Unione Eurasiatica»: Alessandro Lundini a Radio Cusano


radio_cusano_campus.e6xrn6kkqggs4ocgo80880ggg.brydu4hw7fso0k00sowcc8ko4.thAlessandro Lundini, Ricercatore Associato del Programma “Eurasia” dell’IsAG, è intervenuto lunedì 1° febbraio nella trasmissione di Radio Cusano Campus «il mondo è piccolo», condotta da Fabio Stefanelli.

La puntata può essere riascoltata cliccando qui.

Nel corso dell’intervista Lundini ha analizzato l’attuale situazione del processo di integrazione rappresentata dall’Unione Economia Eurasiatica. Il Ricercatore IsAG ha messo in evidenza il fatto che, a un anno dalla sua istituzione, l’Unione – nonostante ritardi e criticità – sta lavorando a forme di cooperazione economico-commerciale con diverse importanti realtà, asiatiche e non. L’Unione Eurasiatica, secondo Lundini, non deve essere considerato come un progetto in contrapposizione all’UE e per questo motivo nel Vecchio continente si dovrebbe guardare ad essa con maggiore interesse.
Intervenendo, infine, sul rischio terrorismo in Asia centrale, Lundini ha ricordato che – nonostante il possibile ritorno dei foreign fighters e l’adesione a ISIS di gruppi radicali autoctoni – la minaccia risulta essere ancora di entità inferiore rispetto a quella presente in altre regioni. Allo stesso tempo, manca ancora un coordinamento a livello sovranazionale della politica di sicurezza e lotta al terrorismo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail