Caso Regeni: Daniele Scalea all’egiziano “Al-Shuruq”


Al-ShuruqDaniele Scalea, Direttore Generale dell’IsAG, è stato interpellato dal quotidiano egiziano “Al-Shuruq” in merito alla morte del ricercatore italiano Giulio Regeni in Egitto. La sua opinione è apparsa a fianco di quella d’altri commentatori in un articolo pubblicato il 18 febbraio 2016, che può essere riletto cliccando qui.

Il Direttore Scalea ha espresso l’opinione che, a fianco delle due ipotesi più probabili – ossia quella di un ruolo degli apparati di sicurezza governativi, ovvero di apparati dell’opposizione, che abbiano scambiato Regeni per una spia – non si può scartare completamente, per quanto meno plausibile, l’ipotesi di un ruolo di servizi di Paesi terzi interessati a perturbare i rapporti tra Italia e Egitto. Se Regeni fosse stato davvero, come ipotizzato da alcuni, un agente dei servizi italiani, non si spiegherebbe – secondo Scalea – perché i servizi di sicurezza egiziani avrebbero dovuto rapirlo e ucciderlo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail