«Italia leader necessario in Libia»: Daniele Scalea a Unomattina


Unomattina «L’Italia è il Paese cui tutti gli altri attori esterni stanno guardando per assumere la leadership nell’intervento internazionale in Libia»: lo ha affermato Daniele Scalea, Direttore Generale dell’IsAG, intervento a “Unomattina” del 19 febbraio 2016.

Interpellato dalla conduttrice Francesca Fialdini, il Direttore Scalea ha spiegato che dopo l’esperienza del 2011 nemmeno l’Italia è più disposta a rimanere defilata in Libia, anche se l’intenzione è di non dover inviare truppe sul terreno oltre a missioni di addestramento. L’intenzione italiana è di guidare una campagna aerea a sostegno del nuovo governo libico contro ISIS. Tutto dipende, però – ha commentato Daniele Scalea – dalla capacità di tale governo d’insediarsi e dotarsi d’una propria forza armata. Infine, il Direttore Generale dell’IsAG ha spiegato che per quanto concerne gli approvvigionamenti italiani di petrolio e gas libico il problema non è tanto nella presenza dell’ISIS, quanto nel generale clima di disordine che li ha resi molto inferiori rispetto a quanto avveniva nel 2010 o anche nel 2012.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail