Italia come piattaforma logistica del Mediterraneo – F. Romeo a “Radio Cusano Campus”


radio_cusano_campus.e6xrn6kkqggs4ocgo80880ggg.brydu4hw7fso0k00sowcc8ko4.th

Filippo Romeo, Direttore del programma “Infrastrutture e Sviluppo territoriale” dell’IsAG, è stato intervistato mercoledì 11 maggio durante la trasmissione Il mondo è piccolo, rubrica di “Radio Cusano Campus” condotta da Fabio Stefanelli, per parlare dell’idea progettuale di un tunnel sottomarino che dovrebbe collegare l’Italia alla Tunisia, elaborata all’interno dell’ENEA dall’Ing. Pietro La Mendola, Mario Miniocchetti e Flavio Fontana.

L’intervento può essere riascoltato cliccando qui.

Nel corso dell’intervista il dott. Romeo, dopo aver illustrato le linee generali dell’opera, consistente nella realizzazione di un tunnel ferroviario della lunghezza di 150 Km che, partendo da Pizzolato, nei pressi di Mazzara del Vallo, sboccherebbe a Capo Bon in Tunisia, si è soffermato su quelle che potrebbero essere le ricadute geo-economiche e geopolitiche sull’Italia. L’opera, infatti, potrebbe senz’altro costituire un raccordo economico tra Europa e paesi del Nord Africa e fare dell’Italia la piattaforma logistica del Mediterraneo.

Romeo ha, tuttavia, precisato che tale opera per essere efficace dovrebbe essere inserita all’interno di un sistema logistico integrato che preveda il prolungamento dell’alta velocità e alta capacità dalla Campania alla Sicilia, nonché la realizzazione dell’altra grande opera infrastrutturale che andrebbe ad unire la Calabria alla Sicilia, osservando come infrastrutture moderne e funzionali a disposizione della comunità siano elementi imprescindibili di civiltà e sviluppo.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail