Gli attentati a Berlino e Ankara. Daniele Scalea a Radio Cusano


Daniele Scalea, Direttore Generale dell’IsAG, è stato intervistato da Daniel Moretti per Radio Cusano Campus a proposito degli attentati di Berlino e Ankara:

L’intervista, trasmessa il 20 dicembre 2016, può essere riascoltata cliccando qui.

Vista la similitudine con l’attacco di Nizza e gli allarmi che puntavano sull’uso di camion e attacchi a mercatini di Natale, era forse possibile – ha dichiarato Daniele Scalea – meglio prepararsi a Berlino, ma questo sarà oggetto delle indagini e valutazioni interne. La popolarità di Angela Merkel è colpita dai problemi legati all’immigrazione (non solo terrorismo), tuttavia rimane ancora probabile la sua riconferma nel 2017. La popolazione tedesca, per ragioni di senso di colpa storico, è molto restia ad adottare visioni ostili verso gl’immigrati, soprattutto se non bianchi.

Gli attacchi jihadisti in Europa, ha proseguito il Direttore dell’IsAG, non si erano mai fermati da agosto: c’era stato solo un diradamento degli eventi e una scelta di inquirenti e media di ignorarli laddove la matrice non fosse più che certa (“azioni di squilibrati”).

L’assassinio in Turchia ha avuto duplice movente, quello diretto (“punizione” per Aleppo) e quello indiretto (turbare il riavvicinamento tra Ankara e Mosca). Lccordo turco-russo, ha concluso il Direttore Scalea, prevederà probabilmente una sfera d’influenza in Siria per Ankara, tesa a impedire il consolidarsi del PYD curdo, e qualche garanzia per i turcomanni siriani.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail